fbpx
Overdenture, dentiera semi-fissa

Overdenture: il caso di una signora italiana

  • 0/5
  • 0 ratings
0 ratingsX
Very bad! Bad Hmmm Oke Good!
0% 0% 0% 0% 0%

Quando si parla di dentiere fissate su impianti le storie personali possono aiutare a prendere una decisione… Overdenture: il caso di una signora italiana.

 

 

Quali protesi per una persona anziana?

 

Nella nostra società le persone con più di 65 anni sono oltre il 20% della popolazione, mentre la fertilità è ben al di sotto del tasso ideale di sostituzione di 2 figli per coppia. Gli anziani sono quindi una parte sempre più importante della comunità, impossibili da non considerare pienamente inseriti nella vita sociale, culturale, economica del Paese. Da questo fatto ne consegue che nell’odontoiatria, come in tutta la medicina, le priorità da affrontare e le esigenze da soddisfare stanno rapidamente cambiando.

 

Oggi, per esempio, non sono più accettabili protesi “di ripiego” per i pazienti anziani, come invece lo erano in passato. Al giorno d’oggi un paziente anziano si aspetta giustamente delle protesi che possano accompagnarlo per molti anni in modo comodo ed efficace, con un ottimale aspetto estetico e funzionale, per vivere attivamente e senza scomodità, imbarazzi o perdite di autostima. Le dentiere fissate su impianti (Overdenture) sono una delle risposte più valide a questa maggiore esigenza di qualità della vita.

 

 

L’overdenture di Giovanna

 

Giovanna è una nostra paziente emiliana di 70 anni che, sebbene edentula da diversi anni e già dotata di una tradizionale dentiera, ci ha contattato per informarsi sulla possibilità di ottenere nuove protesi, per mordere e masticare meglio, ma anche per avere un aspetto piacevole.

 

implantologia-dentale
implantologia-dentale

La signora, molto attiva e ottimista, al momento della prima visita con noi aveva una dentiera classica a supporto gengivale. Di questa lamentava la scarsa aderenza soprattutto per riguardo alla protesi inferiore, con una corrispondente limitata funzionalità (masticare, parlare) dovuta ad una occlusione non ottimale. Inoltre, la paziente era insoddisfatta dell’aspetto estetico dei suoi denti anteriori superiori; infine, la resina rosa che doveva riprodurre la gengiva, appariva invece molto artificiale. Il desiderio era quindi quello di una maggiore stabilità ma anche di gengive protesiche di aspetto finalmente naturale.

 

 

La “nuova” dentiera

 

Dopo lo studio del caso e considerate le ottime condizioni di salute generale di Giovanna, il dentista ha proposto:

 

  • Un’Overdenture con 4 impianti nella mandibola (sotto), con inserimento degli attacchi nella dentiera attuale della paziente
  • Una protesi totalmente nuova con flangia gengivale finalmente realistica supportata da altri 4 impianti nella mascella (sopra).

 

Per merito del suo buono stato di salute generale, la paziente ha optato per questa soluzione  che prevedeva un intervento chirurgico d’implantologia. Secondo lei il miglioramento estetico e funzionale valevano la pena.

 

 

L’intervento

 

Il giorno dell’operazione sono stati inserite le 8 viti degli impianti e le due protesi totali esistenti, che durante i mesi necessari per la guarigione dei tessuti sono state indossate appoggiandosi unicamente alla gengiva per non compromettere il processo di osteointegrazione. L’interno della dentiera è stato rivestito con una resina morbida per non trasmettere urti agli impianti.

 

In seguito, durante un controllo, il dentista ha notato della placca che aveva iniziato a ricoprire le teste delle viti che spuntavano dalla gengiva. La paziente, seguendo i consigli del dentista, è riuscita a rimuoverla da sola con l’igiene quotidiana casalinga. Così ha risolto una situazione che potenzialmente avrebbe potuto compromettere il buon esito dell’operazione.

 

Al termine del periodo di guarigione di 5 mesi, si è proceduto con la fabbricazione della nuova protesi superiore, questa volta accuratamente realizzata per riprodurre il più possibile fedelmente la gengiva naturale. Una volta pronta,  le protesi esistenti sono state dotate di attacchi e la paziente è potuta uscire dallo studio dentistico con i suoi denti perfettamente fissati ed aderenti.