Rigetto degli impianti: cosa c’è da sapere?

rigetto impianto

Rigetto degli impianti: cosa c’è da sapere?

  • 5/5
  • 1 rating
1 ratingX
Very bad! Bad Hmmm Oke Good!
0% 0% 0% 0% 100%

Un impianto dentale è sostanzialmente una vite di titanio che viene chirurgicamente inserita nell’osso della mandibola o della mascella e che serve da supporto ad un dente artificiale.

 

Gli impianti dentali hanno un’alta percentuale di successo, ma comunque esiste una percentuale di fallimenti (circa il 5%) che va considerata e analizzata.

 

 

I fattori che possono influenzare il rigetto o meno di questa operazione sono numerosi:

 

  • Salute delle gengive: non ci si può sottoporre ad un impianto se si ha un’infezione delle gengive. Con molta facilità colpirebbe la sede della vite e provocherebbe un rigetto. Anche per questo, spesso, la preparazione all’intervento prevede la somministrazione di antibiotici.
  • Tabacco: purtroppo è dimostrato che i fumatori hanno un rateo di insuccessi superiore ai non-fumatori. Probabilmente a causa di una ridotta capacità di guarigione della gengiva danneggiata dall’intervento.
  • Condizione dell’osso: sappiamo che solo chi è dotato di un osso abbastanza denso e spesso può affrontare un impianto. Tuttavia esiste anche un’area grigia in cui l’osso non è nelle condizioni ottimali ma è giudicato comunque in grado di sostenere la vite; anche in questi casi, comprensibilmente, la percentuale di rigetti è superiore alla media.
  • Salute generale: tutte le condizioni che comportano un ritmo di guarigione rallentato comportano un rischio maggiore. Tra le più comuni ci sono il diabete e l’artrite reumatoide.
  • Cattiva igiene orale: per le ragioni spiegate qui sopra, una non adeguata pulizia della bocca, che comporta facilmente una sofferenza delle gengive, può portare al rigetto.
  • Fattore umano: come in ogni altro campo della vita in cui si ha a che fare con l’opera dell’uomo, l’errore è purtroppo possibile, anche se molto raro.

 

implantologia-dentale
implantologia-dentale

 

 

Una volta completata l’operazione, i rigetti possono capitare poco dopo l’inizio della fase di guarigione o più avanti nel tempo.

 

Nel primo caso le principali cause sono le seguenti:

 

  • Infezione della zona dove è stata inserita la vite
  • Micromovimenti causati dall’installazione prematura di un dente artificiale
  • Reazione allergica al materiale della vite

 

 

 

E sul lungo termine?

 

Sul lungo temine, invece, le complicazioni possono nascere per altri motivi:

 

  • Rigetto del corpo estraneo della vite da parte dell’organismo. Raramente può capitare anche ad anni di distanza dall’operazione.
  • Ferite o traumi nella zona dell’impianto.
  • Contatto tra la vite nella mascella e la cavità sinusale.
  • Danneggiamento di nervi troppo vicini alla sede dell’impianto.